Notizie di tradizioni popolari

A Palazzolo Acreide le manifestazioni che hanno una antica tradizione popolare sono: le feste in onore di S. Paolo, S. Sebastiano, San Michele, l’Addolorata, la Santa Pasqua, il Carnevale e le rappresentazioni classiche.
Le feste in onore dei Santi si svolgono quasi tutte con uno stesso cerimoniale, ma quelle più intense di momenti emotivi e di coinvolgimento popolare sono quella in onore di S. Paolo, patrono della città, quella di S. Sebastiano e quella dell’Addolorata.
Esse sono sorte come feste di quartiere; in tempi lontani, ma anche recenti, hanno provocato dispute campanilistiche a volte violente.

palazzolo acreide notizie di tradizioni popolari san paolo sciuta delle 13
Palazzolo Acreide - Festa di San Paolo. La "sciuta" delle tredici del 29 giugno (Photo: Archivio Istituto Studi Acrensi)

I festeggiamenti, fino agli anni ’60, duravano circa una settimana in quanto si tenevano, per l’occasione, fiere di bestiame note in tutta la Sicilia. Oggi i festeggiamenti durano tre giorni. Nel primo giorno si svolge una serata di “musica leggera” al Giardino Pubblico (a sirata a villa). Nel secondo giorno (a vigilia) avviene la svelata del santo nell’altare maggiore della chiesa di appartenenza (a sciuta ra cammira).
Il terzo giorno è il più intenso di emozioni ed è quello dei festeggiamenti veri e propri: le messe solenni, quelle cantate, il panegirico e alle tredici, forse il momento più toccante, l’uscita del santo dalla chiesa, (a sciuta ri manziornu), tra scampanii, spari di bombe e lancio di “nzareddi”, portato, secondo la tradizione, a spalla (a spadda nura) e seguito da fedeli, soprattutto donne, a piedi scalzi (u viaggiu scausu), che adempiono allo scioglimento di un voto.
Il santo viene fatto uscire anche di sera, verso le ore 20.00, e condotto per tutto il paese, secondo canonici itinerari, accompagnato dalle bande musicali e dai fedeli. I festeggiamenti si concludono nella tarda notte o nelle prime ore del mattino con l’esibizione di cantanti di grido o altri spettacoli e con il grande finale di artistici fuochi d’artificio.

TRADIZIONI POPOLARI: Festeggiamenti dei Santi

S. Paolo, 27-28-29 giugno
S. Sebastiano, 8-9-10 agosto
La SS. Addolorata, 2a domenica di settembre
San Michele, ultima domenica di settembre

palazzolo acreide notizie di tradizioni popolari processione festa di san sebastiano
Palazzolo Acreide - Festa di S. Sebastiano. Processione (Photo: Archivio Istituto Studi Acrensi)

Per la Santa Pasqua, la morte e la resurrezione di Gesù vengono tradizionalmente ricordate con l’approntamento dei sepolcri (i sepulcra) nelle chiese del paese, il giovedì santo, e con simbolici dolci pasquali.

TRADIZIONI POPOLARI: Carnevale

Antica nel tempo è la tradizione del Carnevale. Fino agli anni sessanta si approntavano nelle due piazze principali i veglioni (i vagliuna) con i botteghini dove si giocava al “sottonovanta” e dove si danzava.
Oggi il Carnevale consiste in balli in piazza e nei locali notturni, in sagre di salsiccia, trote e “cavatieddi” ed in due grandi sfilate di carri allegorici e di gruppi mascherati, la domenica ed il martedì prima delle Ceneri.

palazzolo acreide notizie di tradizioni popolari carnevale 200
Palazzolo Acreide - Carnevale (Photo: Archivio Istituto Studi Acrensi)

Nei mesi estivi (luglio ed agosto), ormai una consuetudine, al teatro greco si effettuano le recite di commedie e tragedie di autori classici latini e greci: “rappresentazioni classiche”.
Dal 1991, ogni due anni, a maggio, sempre al teatro greco, si realizza il “Festival internazionale del teatro classico dei giovani”, organizzato dall’I.N.D.A. per gli studenti delle scuole superiori.

palazzolo acreide notizie di tradizioni popolari festival internazionale del teatro classico dei giovani 200
Palazzolo Acreide - Festival Internazionale del Teatro Classico dei Giovani (Photo: Archivio Istituto Studi Acrensi)
palazzolo acreide notizie di tradizioni popolari festival internazionale del teatro classico dei giovani 250
Palazzolo Acreide - Festival Internazionale del Teatro Classico dei Giovani (Photo: Archivio Istituto Studi Acrensi)
Condividi con - Share with