Chiesa dell’Annunziata

La Chiesa dell’Annunziata è da ritenersi fra le più antiche e più belle chiese di Palazzolo. Edificata probabilmente nel XIII-XIV sec. fu abbattuta in parte dal terremoto del 1693. La Confraternita dell’Annunziata, in segno della propria vetustà, occupava il primo posto nelle processioni ufficiali.

palazzolo acreide chiesa dell annunziata 020
Chiesa dell'Annunziata (Photo: Archivio Istituto Studi Acrensi)

Nel 1474 la chiesa si arricchì di un tesoro d’arte. E’ di quest’anno il contratto stipulato da Juliano Ma niuni, rettore della chiesa, con Antonello da Messina, in cui il più grande pittore siciliano si obbligava a dipingere su legno il grande quadro dell’Annunciazione. Questo capolavoro è rimasto nella chiesa fino al 1906, quando, acquistato dalla soprintendenza, con la motivazione della conservazione e del restauro, fu trasportato a Siracusa. Oggi il quadro restaurato e riportato su tela si trova esposto nel Museo Bellomo. La chiesa ha una splendida facciata barocca ricostruita dopo il terremoto da un capomastro architetto locale: Matteo Travisi. Ed il progetto ed il disegno della facciata è, probabilmente, di Giuseppe Ferrara. Il grande portale è caratterizzato da quattro colonne tortili, binate, e da una elaborata trabeazione; il tutto magistralmente intagliato con motivi agresti e festoni di frutta: uva, melagrane, mele cotogne, pere, fichi ed altro. L’interno della chiesa, a tre navate, semplice, pulito, luminoso, raffinato, è di grande suggestione. Le alte arcate della navata centrale sono adornate con visi e festoni di frutta di bella scultura, mentre prezioso è il cornicione interno nei suoi diversi elementi decorativi e la volta con leggeri stucchi settecenteschi.

chiesa dell annunziata navata centrale
Chiesa dell'Annunziata. Navata centrale (Photo: Archivio Istituto Studi Acrensi)

Nella navata di destra si trova una statua di Santa Teresa D’Avila scolpita da Giuseppe Giuliano nella seconda metà dell’800, poi un altare ligneo settecentesco con il quadro della “Sacra Famiglia”. Dopo la porta laterale, resti di acquasantiere medioevali, ed un altare ligneo settecentesco con il bel quadro che rappresenta “Il martirio di Santo Stefano”.

palazzolo acreide chiesa dell annunziata 021
Chiesa dell'Annunziata (Photo: Archivio Istituto Studi Acrensi)

In fondo un altare ligneo barocco con un bel quadro della “Madonna del Carmelo” dipinto da Marcello Vieri nel 1785. Nel transetto una splendida statua della Madonna del Carmelo, molto venerata in questa chiesa, scolpita nell’anno 1700; fu indorata verso la metà dell’800 da Cesare Cappellani, ottimo indoratore e buon artista palazzolese.

annunciazione antonello da messina 020
Annunciazione di Antonello da Messina (Photo: Lamberto Rubino)

L’altare maggiore è l’altro capolavoro che la chiesa possiede. E’ un altare con preziosi intarsi marmorei colorati raffiguranti uccelli e delicati motivi floreali. Le decorazioni, la finezza della esecuzione ed i vari colori dei marmi sono di una armonia compositiva e cromatica senza pari. Un grande, quanto raffinato, tabernacolo scolpito nel marmo e caratterizzato da una miriade di colonnine sormontate da deliziose testine di putti si erge maestoso sull’altare.

palazzolo acreide chiesa dell annunziata altare maggiore
Chiesa dell'Annunziata. Altare maggiore (Photo: Archivio Istituto Studi Acrensi)

Un complesso di grande bellezza. In alto, dietro l’altare, una grande tela rappresentante l’ “Annunciazione” dipinta da Paolo Tanasi nel 1827. Di ottima fattura la credenza del XVIII sec. così come le belle sedie presbiteriali del 1865. A chiudere la navata di sinistra si trova un altare ligneo settecentesco con un bel quadro di “S. Francesco di Paola” dipinto da Paolo Tanasi nel 1827. Accanto una statua lignea di “S. Francesco di Paola” scolpita nel 1858 da Cesare Cappellani. Completano la navata da sinistra tre altari lignei del XVIII sec. con altrettante tele di autori ignoti: una “Crocifissione con S. Giovanni Battista e S. Paolo”, “Sant’Apollonia e Santa Caterina, S. Sebastiano”.

Condividi con - Share with