Corso Vittorio Emanuele

Corso Vittorio Emanuele. Il “Corso” costituisce oggi il centro di Palazzolo ed è il tradizionale luogo d’incontro dove seralmente si effettuano i soliti “quattro passi”. E’ sicuramente la più bella via del paese e fino a qualche tempo addietro manteneva una elegante ed omogenea fisionomia architettonica costituita dal susseguirsi di bei palazzi settecenteschi e ottocenteschi.

palazzolo acreide corso vittorio emanuele palazzo pizzo 5
Corso Vittorio Emanuele. Palazzo Pizzo (Photo: Archivio Istituto Studi Acrensi)

Questo ritmo armonico è stato spezzato da moderne costruzioni e parziali interventi risalenti agli anni ’50-’60. Malgrado ciò rimane il salotto palazzolese più frequentato e attrezzato; nel corso o nelle immediate vicinanze si concentrano la gran parte dei negozi, bar, ristoranti, pasticcerie, tabaccai, banche, etc. esistenti a Palazzolo.

palazzolo acreide corso vittorio emanuele palazzo pizzo 02
Corso Vittorio Emanuele (Photo: Archivio Istituto Studi Acrensi)

Percorrendo il Corso con le spalle alla Piazza del Popolo si incontrano a sinistra una sequela di edifici del ‘700 e dell’800, a destra il Palazzo Municipale e subito il Palazzo Iudica. Questo edificio fu edificato alla fine del XVIII sec. dagli Iudica, la famiglia palazzolese più prestigiosa di quel periodo.

palazzolo acreide corso vittorio emanuele palazzo iudica 020
Corso Vittorio Emanuele. Palazzo Iudica (Photo: Archivio Istituto Studi Acrensi)

Il design architettonico della facciata risente ancora di un tardo influsso barocco, mentre i mensoloni ed altre decorazioni sono ispirati a gusti neoclassici. Accanto a questo palazzo vi è un’altra bella costruzione dei Messina-Ruiz edificata nello stesso periodo o poco più tardi di buon pregio architettonico. Un ottimo portale ed una elegante facciata caratterizzano questo edificio: peccato sia completo solo per metà.

palazzolo acreide corso vittorio emanuele palazzo iudica particolare
Corso Vittorio Emanuele. Palazzo Iudica - Particolare (Photo: Archivio Istituto Studi Acrensi)

Proseguendo, a meno di cento metri, sempre sulla destra, vi è uno splendido esempio di palazzotto borghese barocco. Linee pulite, aspetto armonico ed essenziale impreziosito da un bel portale ed un bombato balcone. Il Corso procede verso l’alto delimitato sempre da antichi palazzi inframezzati da pretenziose costruzioni liberty.

Condividi con - Share with