Akrai – Zona archeologica

Akrai fu edificata nel 664-663 a.C. dai corinzi siracusani, settant’anni dopo la fondazione di Siracusa (vedi Notizie storiche). Sita su un alto colle dalle pareti rocciose inespugnabile, la piccola polis fu il baluardo della espansione siracusana nel territorio siculo. Per la sua particolare posizione strategica Akrai fu anche la sentinella dei confini meridionali del territorio siracusano. La cittadina ebbe un continuo sviluppo nell’arco dei secoli come si può dedurre dalle due grandi necropoli della Pinita e Colle Orbo.

palazzolo acreide akrai moneta akraion coin
L'Akraion. La moneta battuta da Akrai (Photo: Archivio Istituto Studi Acrensi)

Raggiunse il massimo splendore, e lo testimoniano i monumenti rimasti, negli anni del regno geroneo. La cittadina, dopo quasi milleseicento anni di vita ininterrotta, fu distrutta, per sempre, nell’827 d.C. dagli arabi. Le rovine furono ben presto ricoperte dalla terra e d’Akrai si perse, nel corso dei secoli successivi, anche il ricordo del sito. Nel XVI sec. storici, archeologi, eruditi localizzarono la cittadina nei luoghi più disparati. Fu il Fazello, per primo, grazie anche alla presenza di cospicui resti ad individuare la posizione dell’antica colonia greca nella contrada chiamata “Serra di Palazzo” o “Palazzu”.

palazzolo acreide akrai zona archeologica strada ellenistica romana
Akrai. Strada ellenistica (Photo: Archivio Istituto Studi Acrensi)

I primi scavi archeologici della zona furono condotti dal barone Gabriele Iudica, nel primo trentennio dell’800; questo appassionato e generoso patrizio palazzolese, può considerarsi a ragione il vero scopritore di Akrai. Lo Iudica, nel 1819, pubblicò un interessantissimo volume “Le antichità di Acre” in cui ha descritto le campagne di scavi e le circostanze dei ritrovamenti.

palazzolo acreide akrai zona archeologica teatro greco
Akrai. Teatro Greco (Photo: Archivio Istituto Studi Acrensi)
Condividi con - Share with